Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
TV. Vespa: “Santoro dipende dal direttore di rete. Il suo stipendio comporta un costo enormemente maggiore del lordo effettivo di 726mila euro”. Santoro: “Vespa non dice il vero”
«Sono lieto di poter dare, almeno parzialmente, ragione a Michele Santoro. Per molti anni Santoro ha chiesto effettivamente alla Rai di dipendere dal punto di vista amministrativo dalla direzione di Raidue e dal punto di vista editoriale dal Direttore Generale. Dopo un interminabile dibattito interno, la questione non è mai stata risolta». È quanto afferma in una nota il conduttore di «Porta a Porta» Bruno Vespa, rispondendo alla lettera che Santoro ha inviato oggi a Giorgio Dell'Arti, autore e conduttore di «Ultime da Babele». «Santoro - aggiunge Vespa - dipende, allo stato degli atti, anche dal punto di vista editoriale dal direttore di Raidue Antonio Marano, che dunque è responsabile del prodotto. Per contratto, inoltre, Marano deve ricevere in anticipo anche i testi di Marco Travaglio». «Per quanto riguarda le differenze retributive tra me e Santoro -sottolinea Vespa- debbo rilevare innanzitutto che il suo stipendio da direttore giornalistico dipendente della Rai comporta per l'azienda un costo enormemente maggiore del lordo effettivo di 726 mila euro, con rilevantissimi risvolti pensionistici. Questa somma equivale, euro più euro meno al 1 milione 187 mila euro che io percepisco come collaboratore per la stagione di 'Porta a Portà». «Si aggiunga -prosegue Vespa- che a Santoro il bonus riservato ai dirigenti viene erogato indipendentemente dal risultato raggiunto e questo ha consentito al magistrato di considerarlo parte integrante dello stipendio, riconoscendogli oltre un 1 milione 400 mila euro di risarcimento, equivalente a quasi dieci volte quello che io ho percepito come liquidazione per trentanove anni di anzianità Rai. Il confronto numerico tra le prime serate di Santoro e le seconde serate di 'Porta a Portà -conclude- pur certamente meno importanti, completa il confronto». (Adnkronos)
 
 
25/04/2009 08:18
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.