Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Vimercati (PD) su Mediaset: "Mancata distribuzione frequenze liberate con DTT impedisce sviluppo banda larga"
''Giudico contraria all'innovazione del sistema Paese la pretesa di Mediaset di non distribuire il dividendo digitale anche agli operatori delle telecomunicazioni. L'Italia e' l'unico Paese europeo che si rifiuta di applicare la direttiva in merito.'' E' quanto dichiara in una nota Luigi Vimercati, senatore Pd ed ex sottosegretario alle Comunicazioni, rispondendo alle dichiarazioni del consigliere d'amministrazione Mediaset, Gina Nieri che, in occasione della presentazione del rapporto ITMedia Consulting, aveva ribadito come andasse ''mantenuta la leadership della presenza del mezzo tv sullo specchio elettromagnetico'' del dividendo digitale. ''La mancata distribuzione delle frequenze che si liberano nel passaggio dalla vecchia tv analogica alla nuova digitale impedisce lo sviluppo della banda larga mobile nel momento in cui tutto il mondo - prosegue Vimercati - investe sulle moderne tecnologie della comunicazione come fattore che aumenta la produttivita' e la capacita' competitiva delle imprese''. Secondo il senatore Pd '''l'attuale legge Gasparri e' gia' insufficiente a dare attuazione all'esigenza di pluralismo nel mercato televisivo''. Quindi ''immaginare la lacerazione delle poche regole esistenti significherebbe rafforzare a dismisura l'attuale posizione dominante dell'azienda del presidente del Consiglio'', conclude. (Asca - Corriere.com
30/06/2009 07:12
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.