Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Ucraina, Tv e radio al verde: salta diretta Eurovision2009
(Apcom-Nuova Europa) - La crisi mondiale non ha risparmiato in Ucraina neanche il famoso concorso canoro 'Eurovision', equivalente europeo del nostrano Sanremo. La Tv e la Radio nazionale non hanno infatti i soldi per trasmettere la diretta il festival che si terrà a Mosca in maggio. Risultato: i fans ucraini non potranno ammirare e votare per la bella Svitlana Loboda, 'rappresentante' nazionale al concorso. Una doppia sciagura, visto che a esibirsi per i colori della Russia, sarà un'altra ucraina, la 21enne Anastasia Prikhodko. E quale maggiore soddisfazione per gli ucraini vedere che la 'matrigna' Russia - ombra costante nelle prospettive di autonomia politico-energetica e di integrazione euroatlantica di Kiev - viene rappresentata in un concorso così seguito a livello europeo, proprio da una connazionale. Non a caso a Mosca, la scelta della Prikhodko aveva suscitato scandalo, sollevando diffuso sdegno. "Una disgrazia", aveva commentato la notizia il produttore musicale Iosif Prigozhin: "dobbiamo mandare qualcun altro a Eurovision perchè una canzone eseguita in ucraino non ha niente a che fare con la Russia". Stesso tono da parte di un altro noto produttore, Iana Rudkovskaya, che ha definito la scelta "molto strana". Per poi aggiungere "è scioccante". Il paradosso è che in assenza della Tv ucraina, i tanti fans del festival saranno costretti a sintonizzarsi sui principali canali russi per seguire le due concorrenti ucraine. Insomma nuove traversie per l'Eurovision 2009 dopo l'eliminazione del gruppo georgiano "Stephane and 3G", squalificati proprio per il significato politico della loro canzone: "we dont' wanna put in", come dire "non vogliamo Putin". Uno 'schiaffo' al premier russo dal chiaro significato politico dopo la guerra tra Mosca e Tbilisi dell'agosto scorso. Troppo davvero per la Russia: rappresentata da un'ucraina e irrisa dai georgiani. -->
25/04/2009 08:40
 
NOTIZIE CORRELATE
Il settore dei media ha registrato nel quinquennio 2011 – 2015 forti contrazioni dei ricavi, con una perdita pari al 30% per l’editoria quotidiana e periodica e di oltre il 20% relativamente al settore delle telecomunicazioni.
Climax dai connotati critici per l’editoria: secondo i dati riportati dallo studio R&S di Mediobanca, nel 2015 il settore è all'opposto delle costruzioni per quanto concerne i margini.
“Il digitale sta cambiando in profondità l’industria editoriale, ma non esistono soluzioni standard né business consolidati. Le culture sono diverse, le economie sono differenti. E i ricavi vengono ancora per il 90% dalla carta”.
Non si riprende la pubblicità sulla carta stampata, che a marzo registra un ulteriore calo del -4,4%. Il bilancio mensile negativo emerge dai dati dell’Osservatorio Stampa Fcp relativi di marzo raffrontati con il corrispettivo 2015.
Bene il generale il mercato degli investimenti pubblicitari nel mese di gennaio 2016: +2,5% rispetto allo stesso mese del 2015; percentuale che si traduce in 10,6 milioni in più.