Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
UE: proposta per nuovi servizi Internet mobile
Il Consiglio dei ministri Ue ha varato oggi in via definitiva la proposta messa a punto della Commissione Ue per allargare l'offerta di nuovi servizi di comunicazione, come Internet mobile, introducendo la possibilita' di un uso piu' esteso della banda di frequenza 900MHz finora riservata al Gsm, cioe' i telefoni cellulari. La nuova direttiva che entrera' in vigore il prossimo ottobre - si legge in una nota della Commisione Ue - rafforzera' la concorrenza sul mercato europeo delle telecomunicazioni e contribuira' a una diffusione piu' ampia e rapida dei servizi in banda larga senza fili. Le novita' introdotte da quella che e' stata definita la riforma della direttiva Gsm, risalente al 1987, secondo le stime di Bruxelles consentira' alle imprese del settore di risparmiare 1,6 miliardi di euro. (Iris Press)
27/07/2009 13:47
 
NOTIZIE CORRELATE
L'indagine di customer satisfaction promossa dal Comitato regionale per le comunicazioni (Corecom FVG) nell'anno 2016, che aveva lo scopo di misurare il gradimento degli utenti in merito all'attività di conciliazione obbligatoria in materia di controversie telefoniche, internet e pay tv, ha restituito un quadro molto lusinghiero del servizio offerto.
Il nuovo operatore telefonico Wind Tre Spa (società con amministratore delegato Maximo Ibarra, creatasi dall’unione di Wind Telecomunicazioni e H3G) chiude il proprio bilancio 2016 in bellezza: con un fatturato di 6.491 milioni di euro, una percentuale di crescita in termini di ricavi del 3,1% e una liquidità di cassa di un miliardo di euro.
Ha oggi tre giorni di vita la Wind Tre Spa, azienda nata dalla fusione di Wind e 3 divenuta effettiva il 31/12/2016, e primo operatore del settore mobile con 31 mln di utenti attivi.
Tempi certi, ma solo per finta: così si può riassumere la relazione approvata dalla commissione industria del parlamento europeo e redatta dalla vicepresidente Patrizia Toia e che, sostanzialmente, chiede la possibilità di ritardare le tempistiche previste dall’Unione per la cessione delle frequenze della banda 700 MHz dalle televisioni alle telco.
Il governo offre agli operatori di telefonia mobile la possibilità di prorogare l'uso delle frequenze in banda 900 e 1800 MHz fino al 31/12/2029, ma a condizione di versare allo Stato circa 2 miliardi di euro anticipati e in una unica soluzione.