Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Umbria, nuove opportunità per tv, radio e web: progetto regionale per apprendimento italiano da parte di immigrati
(Adnkronos/Labitalia) - 'Italianissimo, imparare l'italiano attraverso la Tv', 'L'italiano in diretta' e 'Sofia Web': sono le iniziative sperimentali che, nei prossimi giorni, a partire dal 2 marzo, aiuteranno i cittadini stranieri extracomunitari presenti in Umbria a conoscere meglio, attraverso la televisione, la radio e il web, la nostra lingua e la nostra cultura, come si accede ai servizi, quali sono le normative sulla sicurezza nel mondo del lavoro, i diritti e i doveri sanciti dalla nostra Costituzione e dalle altre leggi italiane. I tre progetti sono stati presentati stamani in una conferenza stampa a Perugia dall'assessore regionale alle Politiche per l'immigrazione, Damiano Stufara, da Corrado Goracci, Paolo Trenta e Anna Schippa, in rappresentanza rispettivamente della 'Itt' (Innovazione e trasferimento tecnologico) di Citta' di Castello, dell'Associazione 'Centro studi' di Foligno e di 'Forma.Azione' di Perugia, le societa' vincitrici del bando della regione Umbria finalizzato alla conoscenza della lingua italiana e destinato ai cittadini extracomunitari adulti regolarmente presenti in Italia. Per i progetti, resi possibili grazie a un accordo tra il ministero competente e la regione Umbria, sono state stanziate risorse pari a 140mila euro. ''La poca conoscenza dell'italiano -ha spiegato Stufara- e' una delle piu' grandi barriere per una cattiva integrazione. Un'analisi delle diverse condizioni culturali e professionali dei cittadini extracomunitari che arrivano nella nostra regione ci fa pensare che progetti innovativi come l'offerta di corsi di lingua italiana proposti attraverso l'impiego del mezzo radio-televisivo e informatico rappresentino una corretta risposta alle loro esigenze. Ora, come in passato, la televisione, la radio e i nuovi 'media' possono avere un ruolo importante dal punto di vista pedagogico ed educativo. Con questa iniziativa, la prima in Italia, l'Umbria conferma il gia' notevole livello di accoglienza che e' in grado di offrire ai cittadini extracomunitari''. (segue)
26/02/2009 10:55
 
NOTIZIE CORRELATE
Il 5 novembre alle 20.00 è nato a Terni MA Channel (canale 216 del DTT), marchio/palinsesto della Musical Academy visibile in gran parte della regione Umbria.
E' spesso in occasione delle immani tragedie che si verificano le reali potenzialità dei mezzi di comunicazione di massa in termini di concreta utilizzabilità per le popolazioni colpite dalle calamità.
In molti attendevano il Festival del Giornalismo di quest’anno per seguire da vicino, tra i tanti temi scandagliati, anche la nota vicenda che ha decretato il triste epilogo de “il Giornale dell’Umbria”, la testata più antica della regione umbra fondata nel lontano 1819 (e più volte rifondata: l'ultima edizione del quotidiano risale al 1997), simbolo della sintomatica crisi che sta attraversando attualmente l’editoria locale.
Il ‘caso Galileo’ è chiuso. E stavolta pare proprio che non ci sarà bisogno di abiure e, soprattutto, non serviranno 359 anni, come fu per lo scienziato. Stavolta, per la radio – perché di ‘radio Galileo’ si parla – hanno fatto prima.
Ieri ha fatto il suo debutto "Umbria Uno", nuova tv regionale del gruppo televisivo campano Cmg (di cui fa parte Canale 21, la tv leader in Campania e nel Lazio).