Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
USA. Google: la pubblicita' a misura di utente e i rischi per la privacy
(ADUC.it) - La pubblicita' di Google sara' d'ora in poi calibrata sugli interessi degli utenti, dedotti in base alle loro attivita' online. Lo annuncia dal suo blog l'azienda di Mountain View, che ha dato il via al progetto di 'Behavioral Targeting'. Gli annunci pubblicitari di Google, quindi, non si baseranno piu' solo sulle parole usate nella ricerca o sui contenuti della pagina di risposta visualizzata, come gia' avviene con i servizi 'AdWords' e 'AdSense', ma faranno riferimento ai siti abitualmente visitati dal navigatore, di cui rimane normalmente traccia nel browser a meno che non si disabiliti questa opzione. Questa nuova forma di pubblicita' basata sul targeting comportamentale viene fortemente criticata negli Usa non solo dai sostenitori della privacy, ma anche da alcuni membri del Congresso. Da parte sua Google spiega che saranno garantite almeno tre forme di tutela per gli utenti. Prima fra tutte, dice Susan Wojcicki, vice presidente Product Management di Google, la trasparenza: 'indichiamo sempre con apposite etichette gli annunci a pagamento forniti da Google sui siti partner di AdSense e su YouTube'. Poi c'e' la possibilita' per il navigatore di visionare e modificare le categorie di interesse sulle quali desidera o meno ricevere messaggi pubblicitari. Infine c'e' la possibilita' di disattivare il 'cookie', ovvero l'elemento del browser usato da Google per 'ricordare' e 'classificare' i comportamenti online dell'internauta.
 
12/03/2009 17:38
 
NOTIZIE CORRELATE
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.
Dopo Google, anche Apple lancia la sua idea per innovare il piccolo schermo: si chiama "Tv", un’applicazione che, come il set top box di Mountain View, mira a creare, come dice il ceo Tim Cook (foto), “un unico posto in cui accedere a tutti i vostri show tv e ai film”.