Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Usa. I quotidiani vendono sempre meno. Il Wsj è l’unico che cresce
Sono arrivati ieri sera, da Washington, i dati dell’ultimo rapporto dell’Audit Bureau of Circulation (ABC). Il censimento semestrale sulla diffusione dei quotidiani statunitensi, che controlla l’andamento delle 379 maggiori testate degli Usa, ha mostrato una grave crollo delle vendite.
Il calo è stimato complessivamente intorno al 10,6% (30,4 milioni di copie in meno), contro il 4,6% di calo registrato nel semestre precedente. L’eccezione – quella che di fatto conferma la regola – vuole che il Wsj sia l’unico quotidiano in lieve crescita, con un aumento della diffusione dello 0,6% (traducibile in un risultato complessivo di diffusione di 2,02 milioni di copie giornaliere – fonte: Repubblica.it). Il quotidiano di Rupert Murdoch passa così in cima alla classifica, anche per effetto degli oltre 300mila abbonati all’edizione online (a quanto pare, l’unico caso di quotidiano telematico a pagamento che ha riscosso enorme successo). Al secondo posto scivola Usa Today (con 1,9 copie diffuse), nonostante per anni abbia mantenuto, incontrastata, la prima posizione del podio. L’editore Gannett aveva recentemente spiegato che il risultato ottenuto dall’ABC potrebbe non essere del tutto corretto, proprio perché contempla gli abbonati online di Murdoch, ma dimenticherebbe le copie diffuse gratuitamente da Usa Today negli hotel. Terzo posto per il New York Times che, con un calo del 7,3%, fa registrare per la prima volta una diffusione inferiore al milione di copie al giorno. Il quadro è evidentemente grigio per tutti, o quasi. Il crollo viene comunemente attribuito alla recessione, ma spesso si dimentica quello che è stato definito, dai giornalisti più attenti all’evoluzione del fenomeno, come un processo di “auto-cannibalizzazione”: un’espressione colorita per spiegare come i quotidiani online si rendano colpevoli del crollo della diffusione dei propri quotidiani cartacei. Perché leggere notizie sul web non è solo gratuito. È più veloce (si leggono decine di titoli in pochi minuti di navigazione), più semplice (per connettersi all’homepage del proprio quotidiano preferito basta un click), è più economico (anche se la questione, in questo caso, riguarderebbe un euro o poco più) e non necessita che il lettore vada in edicola. Basti pensare, per esempio, all’incredibile affollamento di dispositivi elettronici che consentono di leggere l’edizione online di un quotidiano (smartphone, palmari, pc, e-reader, ecc.), che di fatto contribuisce, e in maniera determinante, al processo di “auto-cannibalizzazione” di cui sopra. Molti editori in questo periodo parlano di cambiamento. Ma ad oggi, l’unico quotidiano online a pagamento è il Wsj.com. Ma qualcuno prova a farsi coraggio, imitandolo. Il caso è quello dell’edizione online del Newsday di Long Island – New York, che da domani consentirà l’accesso completo ai contenuti del proprio sito previa la sottoscrizione di un abbonamento di 20 dollari al mese. Ma si tratta di un caso più unico che raro. La “rivoluzione” dei quotidiani telematici continua ad essere rimandata. (Marco Menoncello per NL)
27/10/2009 09:53
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.