Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Verna (Usigrai): sciopero giornalisti RAI 31 marzo. Situazione ingovernabilità insostenibile
(FNSI.it) - I giornalisti della Rai proclamano una giornata di sciopero per il 31 marzo contro una situazione di paralisi che non e' a loro avviso piu' sostenibile. Lo annuncia in una conferenza stampa il segretario dell'Usigrai, Carlo Verna, spiegando che ''dopo nove mesi dalla scadenza del cda, che cadono proprio il 31 marzo, non e' stato partorito ancora un nuovo vertice''. Una situazione, spiega in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato i vertici della Federazione nazionale della stampa, ma anche quelli della Adrai, l'associazione dei  dirigenti Rai, a sua volta pronta alla mobilitazione anche se non ad uno sciopero. ''Lo sciopero e' una risposta senza fantasia - dice ancora Verna - ma rispetto ad un momento cosi' drammatico non e' possibile altro, si possono solo spegnere i tg per farlo  capire''. Si chiede quindi alla politica un salto di qualita' e magari una nuova legge di sistema che ''svincoli il servizio pubblico dalla morsa di scorpione dei partiti - dice ancora il segretario che magari si puo' fare in un tempo molto piu' breve di quello impiegato a scegliere il presidente''. (ANSA)
 
13/03/2009 05:57
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.