Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Anche gli italiani tra le star della rete: da Chiara Ferragni a The Show

Originalità: è questo il comandamento che hanno seguito le star di Youtube e di Instagram che sono riuscite a ritagliarsi una carriera professionale grazie ai social network.
È il caso, ad esempio, di due ragazzi italiani di 25 anni, Alessandro Tenace e Alessio Stigliano, in arte “The Show”, che nel 2013 hanno creato un canale Youtube dedicato agli “esperimenti sociali”, cioè delle candid camera quasi sempre girate in luoghi pubblici dell’hinterland milanese. “Da subito abbiamo deciso di avere un palinsesto molto preciso e puntuale: ogni mercoledì alle ore 14 usciamo con un nuovo video – hanno raccontato i due youtubers - In questo modo c’è un appuntamento, c’è un picco di traffico, e l’algoritmo di Youtube se ne accorge e ci mette in homepage”. Clio Make Up invece, il network che abbraccia tutte le piattaforme social fondato nel 2008 da Clio Zammatteo e dal marito Claudio Midolo, è nel web un punto di riferimento per quanto riguarda il settore beauty e make up: ad oggi, gli iscritti sul canale Youtube sono 1,2 milioni e i followers su Instagram 1,3 milioni, risultati che hanno permesso ai creatori di pubblicare libri e di partecipare a programmi televisivi. Altra storia di successo è quella di Chiara Ferragni che, dopo il grande seguito ottenuto con il suo blog “The Blonde Salad”, ha iniziato il proprio percorso nel campo della moda, prima lanciando una linea di accessori e di scarpe dedicata ai fumetti, poi divenendo testimonial per diverse importanti case del settore. Sempre con un occhio di riguardo per la componente social del proprio lavoro che oggi l’ha portata a raggiungere quasi gli 8 milioni di fan su Instagram. (M.R. per NL)

26/01/2017 09:26
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.