Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Facebook lavora a un software di censura

Facebook starebbe lavorando, secondo quanto riporta il New York Times, a un sistema automatico in grado di censurare determinati contenuti dalla sezione notizie sulla base dell’appartenenza geografica.
La notizia arriverebbe, secondo la testata newyorchese, da alcuni ex dipendenti del social network più grande al mondo, alcuni dei quali avrebbero anche lavorato direttamente al progetto. Lo scopo del nuovo strumento, sarebbe quello di riuscire ad accedere all’enorme mercato online cinese che già in passato ha causato non poche difficoltà ad altre web company (addirittura Google, nel 2010, decise di rinunciare definitivamente a servire il paese asiatico) per via della sua censura estremamente restrittiva. Secondo quanto riportato dalle fonti del Times, il software sarebbe stato sperimentato ma soltanto internamente dagli sviluppatori ma mai sul social vero e proprio. A prescindere dalle ragioni che spingono a crearlo, uno strumento del genere potrebbe comunque essere una potente arma di censura nelle mani di Facebook, in grado di mettere in serio pericolo i principi di neutralità della rete che vigono nei paesi occidentali; una volta costruito, oltretutto, non ci sarebbe, almeno sulla carta, alcun modo di sapere se il software viene effettivamente impiegato solo in Cina per rispettarne le norme e non in altri paesi per condizionare la diffusione di notizie. (E.V. per NL)

23/11/2016 11:45
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.