Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web, Germania: il manifesto di Heidelberg contro Google
(ADUC) - Circa 1.300 personalita' tedesche del mondo della cultura e della scienza hanno firmato il "Manifesto di Heidelberg" contro Google Books per violazione dei diritti di proprieta' intellettuale, e chiedono ai politici di sostenerli. "I politici devono difendere i nostri interessi e lasciar da parte la politica", ha affermato il professore di filologia germanica Roland Reuss. I firmatari rimproverano a Google che il suo motore permette d'accedere a libri recenti e ad altri beni culturali, e di scaricarli gratis da Internet "senza il consenso dell'autore". E' un modo di calpestare "i diritti della proprieta' intellettuale" e molte biblioteche lo sostengono, persino il download illegale, insiste Reuss. I firmatari sono d'accordo che si possano pubblicare opere in versione digitale, ma non senza l'autorizzazione dell'autore. Tra i firmatari figurano lo scrittore Siegfried Lenz e l'ex editore del settimanale Die Zeit, Michael Naumann, oltre a numerosi ricercatori scientifici e fotografi.
 
 
23/04/2009 21:11
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Forte critica di Roger Köppel, proprietario del settimanale svizzero “Die Weltwoche”, rivolta al settimanale “Der Spiegel”, accusato di aver cercato di influenzare l’opinione pubblica a favore di Hillary Clinton nella corsa alla casa bianca.