Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Nielsen: un nuovo servizio per studiare i consumi e creare investimenti mirati

Si chiama “Immagino”, ed è il servizio web creato da Nielsen in collaborazione con GS1, per analizzare con precisione i trend di consumo.
Utilizzato già da più di 1000 aziende industriali e da 23 aziende distributive, il servizio dispone di un database di oltre 70000 prodotti in relazione alle diverse variabili contenute sulle etichette di vendita, alla fruizione mediatica (tv-internet panel) e ai consumi delle famiglie (consumer panel). Per quanto riguarda, ad esempio, il consumo alimentare, incrociando i dati del venduto con quelli delle tabelle nutrizionali, è possibile studiare i consumi in funzione degli ingredienti, dei valori nutrizionali, del claim, dei loghi e delle certificazioni dei prodotti. Questo sistema individua i target di vendita all’interno di un quadro commerciale di riferimento e permette ad un’advertising company di effettuare investimenti mirati. Nel settore alimentare, i risultati dello studio ci mostrano comportamenti molto interessanti tra le famiglie italiane: nel 2016, rispetto all’anno precedente, è cresciuto (a parità di calorie assunte) il consumo di fibre del 4,4% e si è ridotto quello di grassi (-0,8%) e zuccheri (-1,9%), ma tra le famiglie ad alto reddito si è riscontrata una maggiore sensibilità nella riduzione degli zuccheri. Il peso a scaffale dei prodotti vegetariani e vegani, invece, è stato del 3,2% sul totale e ha portato ad un fatturato annuale pari a 749 milioni di euro con un incremento del 10,4% rispetto al 2015. (M.R per NL)

23/01/2017 09:04
 
NOTIZIE CORRELATE
Novità per Nielsen, che finalmente conquista la certificazione Media Rating Council (Mrc) negli Usa per la metodologia “Digital in Tv Ratings", che permette di associare alla tradizionale audience tv il pubblico che utilizza abitualmente altri supporti digitali, integrando quindi pc, tablet, smartphone e affini nella raccolta di dati interconnessi alla fruizione degli stessi programmi emessi su piccolo schermo.
Nielsen, attraverso il proprio sito istituzionale, ha comunicato di volere avviare nel 2017 un sistema di misurazione degli ascolti dei podcast che sia funzionale ad un utilizzo da parte delle agenzie pubblicitarie.
Secondo i dati Nielsen, nei primi 11 mesi del 2016 in Italia la raccolta pubblicitaria è cresciuta dell'1,7% rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente, ma se si prendono in considerazione anche i dati relativi a search e social, settori non monitorati nella ricerca, allora il risultato potrebbe essere vicino al +3,7%.
Il mercato degli investimenti pubblicitari nei primi dieci mesi dell’anno si attesta a +2,0% rispetto allo stesso periodo del 2015. Nel singolo mese di ottobre la raccolta è in calo dell’1,7%.
“Autunno di bonaccia per il mercato: nulla di imprevisto da parte degli operatori”, fa sapere Alberto Dal Sasso, TAM e AIS Managing Director di Nielsen.