Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web Radio: Last.fm fa pagare l'abbonamento
(Radio Passioni) - Last.fm, la stazione musicale (controllata da CBS) che diffonde canzoni via Web attraverso un paradigmatico sistema "sociale" di raccomandazione dei brani, sarà a pagamento. Annunciato mesi fa e implementato solo adesso, il servizio for pay di Last.fm non riguarderà gli utenti americani, inglesi e tedeschi. Tutti gli altri, a partire dal prossimo 30 marzo, dovranno sborsare 3 euro al mese. Non dimentichiamo che tutto avviene nel contesto dell'approvazione di regole importanti, come quella che punta ad abolire l'esenzione fiscale che finora consentiva alle stazioni radio AM/FM, di trasmettere musica senza dover versare copyright.
Ecco la notizia data da Paidcontent.org:

Last.fm Puts Pay Wall Around Streams In Some Markets

By Robert Andrews - Tue 24 Mar 2009 11:05 AM PST

Fifteen months after it first announced the feature, Last.fm is finally introducing a premium subscription model worth its name, as it tries to generate enough money to both pay royalties and satisfy its owner CBS.
The music site made a song and dance back in January 2008, when it announced users would get to stream more than three full tracks in a row under an upcoming subscription model. But the model never materialized. Today, co-founder Richard Jones confirmed Last.fm will, beginning March 30, charge €3 ($4) a month for the existing “Last.fm Radio” - a catch-all term that refers to personalized, back-to-back full-track streams. The fees will apply everywhere except the UK, U.S. and Germany—Last.fm is effectively raising the pay wall everywhere it doesn’t have a significant user base.
Last.fm gave no explanation for the change, but as UK royalty collector PRS For Music told us yesterday, with online advertising slowing, it’s high time online music services started making some money if these companies are to pay for the songs their users play. When Warner Music Group chose not to renew its deal with Last.fm in June, it was reported to be partly through disappointment at the no-show of the subscription model, through which Last.fm would also make payments to labels.
With CBS having recently cut a fifth of Last.fm staff in a group-wide cull, and the full synergies of its $280 million May 2007 acquisition yet to be fully realised (Last.fm replaced CNET Download Music but features like TV scrobbling remain absent), it’s likely also time Last.fm starting bringing CBS a return. Last.fm has operated a rudimentary $3-a-month subscription virtually since its inception but, with barely more worth paying for than “an attractive black icon”, it was considered little more than donationware prior to the acquisition. Even at €3 a month, Last.fm will still be considerably cheaper than increasingly popular streaming service Spotify, and with a whole additional social recommendation layer.

25/03/2009 11:10
 
NOTIZIE CORRELATE
Dibattito acceso su una pagina Facebook dedicata agli operatori radiofonici dopo la pubblicazione di un sommario report dei dati d’ascolto delle web radio di RadioMediaset (polo radiofonico del Biscione cui fanno riferimento le emittenti nazionali Radio 105, Virgin e R 101) accessibili (fino a quel momento) su una sezione specifica del portale United Music, che gestisce il pool di web radio.
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.