Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Virus: Conficker pronto all'azione. Superworm pesce d'aprile
(Republica.it - di Mauro Munafò) - Il prossimo primo aprile potrebbe essere un giorno poco divertente per tutti i possessori di un computer. La data dedicata per tradizione agli scherzi sarà infatti il momento in cui conficker, l'ormai celebre worm che ha infettato milioni di macchine nel mondo, compirà la sua prossima mossa. Analizzando il codice alla base del programma dannoso, le più importanti aziende di sicurezza informatica hanno rilevato che l'ultima versione di conficker (la terza) si attiverà proprio il giorno dei "pesci" per scaricare delle nuove informazioni sulle azioni da compiere. Quali siano queste attività, e cosa voglia fare il misterioso creatore dell'ultima pandemia informatica, al momento non è dato saperlo, elemento che accresce ulteriormente l'incertezza e il timore nei confronti di conficker. Sono però gli stessi produttori di antivirus a cercare di placare i timori emersi negli ultimi giorni sulla rete. Secondo le grandi società di software è infatti poco probabile che qualcosa accada veramente il primo aprile e, comunque, i danni sarebbero limitati a pochi casi in giro per il globo.  Alla base di tanta tranquillità ci sono alcuni elementi ben precisi. Prima di tutto le circa 10 milioni di macchine che si stimano siano state infettate dal malware (ma altre rilevazioni indicano al massimo 2 milioni di pc), sono state in buona parte colpite dalla seconda versione del virus e non dalla terza. Per questi computer la data del primo aprile non avrà quindi alcuna rilevanza. Se questo non fosse abbastanza, c'è poi una rassicurazione di tipo storico, basata sul fatto che tutti i vecchi virus con una data di attivazione, tra cui vere celebrità quali Mydoom e Blackworm, alla fine non hanno causato i danni che si temevano. Le rassicurazioni delle software house non devono però fare abbassare la guardia. Il malware in questione ha già colpito vittime illustri come i sistemi informatici dell'aviazione francese e il network della Camera dei Comuni del Parlamento inglese. Il rischio che si corre è che il proprio computer venga utilizzato per inviare mail di spam, per partecipare ad attacchi coordinati a siti internet o che vengano trafugati dei dati riservati. Il punto di forza del nuovo conficker è la sua capacità di organizzare le macchine che infetta in reti p2p (peer to peer) che rendono inutile il ricorso a un server per gli aggiornamenti, oltre all'utilizzo del nuovissimo algoritmo crittografico di hashing Md6 realizzato da Mit di Boston. Per essere sicuri che il proprio computer non venga toccato da conficker è sufficiente scaricare l'apposita patch distribuita da Microsoft. Questa "pezza" dovrebbe già trovarsi in tutti i pc che fino al 23 ottobre non erano stati infettati e che ricevono gli aggiornamenti automatici di Windows, mentre quelli con Linux o Mac non possono in alcun modo essere toccati da conficker, che sfrutta una debolezza del sistema operativo di Redmond. Il punto di forza di conficker è proprio la sua diffusione tra i computer non aggiornati, raggiunti magari da una chiavetta usb infetta oppure direttamente su internet.
29/03/2009 19:48
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
Secondo un’analisi di Trend Micro, una security company di contenuti web, nel 2016 gli attacchi informatici a scopo di estorsione sono aumentati del 400% e nel 2017 la situazione potrebbe ancora peggiorare.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.