Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Watchup acquistata da Plex: si allarga il mercato delle news in streaming

Watchup è un’applicazione fondata nel 2012 da Adriano Farano che consente agli utenti di costruire un telegiornale personalizzato, scegliendo i propri video tra quelli delle fonti d’informazioni che aderiscono al progetto.
Nonostante il successo riscosso negli Stati Uniti (hanno già aderito CNN, CBS, Sky News, The Wall Street Journal, Fox, Washington Post) e i finanziamenti da parte di Microsoft e Turner Broadcasting, sono pochi gli editori italiani che hanno scelto di diventare partner e cedere i propri contenuti, tra i quali Ansa, Adnkronos, Euronews, Fatto quotidiano e TgLa7, ma i margini di espansione sono ampi. Ora la startup è stata acquistata da Plex, il servizio streaming di contenuti locali che sta avendo successo negli Usa. “Per noi l'ingresso in Plex è una fantastica opportunità. - ha spiegato Adriano Farano – Avremo la possibilità di sviluppare ulteriormente quello che già facciamo coinvolgendo più editori in Europa, Canada, Australia che sono i nostri prossimi obiettivi”. D'altra parte, l'accordo per Plex rappresenta un’invitante opportunità commerciale che potrebbe presto portare l’azienda a sfidare il gigante Netflix in alcuni settori del grande mercato dello streaming. (M.R. per NL)
02/02/2017 08:34
 
NOTIZIE CORRELATE
Spotify registra una forte crescita nell’ultimo semestre e raggiunge i 50 milioni di abbonati, distanziando Apple Music, fermo a 20 milioni di sottoscrizioni.
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Dal prossimo anno l’accesso ai contenuti in streaming di servizi SVOD sarà libero fra i paesi europei: questo è il contenuto nel recente accordo raggiunto da Parlamento e Consiglio Europeo.
Oltre all’aspetto primario di utilizzo musicale, ci sono altri aspetti che derivano dallo streaming e dall’utilizzo di tale servizio. Anzitutto la platea che si apre agli autori che si avvalgono anche dei servizi in streaming per la diffusione delle loro creazioni è quella degli internauti e quindi potenzialmente l’intero mondo di Internet.
In un mondo digital oriented, gli utenti prediligono la radio rispetto ai portali di streaming non radiofonici (anche se appare impropria la distinzione, posto che è ormai difficile definire cosa è e non è una radio, così come il web stesso è sempre più una mera piattaforma distributiva del medium radiofonico, nell'accezione classica).