Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Webcasting: Laut.fm, user generated radio
(Radio Passioni) - Una accattivante interfaccia in Ajax con un player integrato. Circa 600 canali personalizzati in un anno di vita. Laut.fm "user generated radio" tedesca vincitrice di un premio all'ultima edizione del salone IFA di Berlino ha da oggi una nuova interfaccia grafica e una montagna di contenuti a supporto del contenitore di brani musicali che gli iscritti possono selezionare e mandare in onda - su Web beninteso - gratuitamente. Rispetto a Last.fm c'è una sola u di differenza, ma qui sembra che il modello basato sul finanziamento pubblicitario dei singoli canali funzioni. Almeno per ora. In più, cliccando sui brani in playlist è possibile scaricare le canzoni a pagamento. Ho fatto un giretto nell'offerta e c'è veramente di tutto, musicalmente parlando. I canali al momento più ascoltati sono Herrmerktradio (rap tedesco), Metalcore e, incredibilmente, Alpenradio con brani folk. Il sito dichiara una media di oltre 70'mila ascoltatori giornalieri per una durata di ascolto di 20 minuti. Impressionante la raccolta di pagine raggiungibile dal portale specializzato Laut.de con notizie, critiche musicali, community, dizionario del pop e vendita di dischi e biglietti di concerti. Laut.fm è un'idea della società Seitenbau, un'agenzia di sviluppo Web che ha realizzato un content management system molto avanzato (ovviamente utilizzato per le pagine di Laut).
26/03/2009 18:26
 
NOTIZIE CORRELATE
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
La Corte di Giustizia dell’Unione europea ha stabilito che le emittenti televisive possono vietare la ritrasmissione via internet dei loro programmi da parte di un’altra societa’.
La stampa è piena di catastrofisti che danno la tv per spacciata. Alcuni giornalisti addirittura parlano di giorni contati. Lo fanno, evidentemente, senza cognizione di causa.
La novità che appare più eclatante nel mondo dei media italiano in questo inizio di 2011 è il diffondersi di una nuova offerta di servizi televisivi che fanno uso di internet per la loro diffusione.
Chi effettua trasmissioni in modalità simulcasting è tenuto a notificarlo non solo a SIAE ed SCF ma anche all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e al Ministero dello Sviluppo Economico.