Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Wikipedia resta libera, almeno dalla pubblicità
Jimmy Wales (foto), fondatore della popolare enciclopedia online, ne ha parlato nel corso di un incontro organizzato dal Corriere della Sera. Wikipedia continuerà a camminare sulle proprie gambe, senza fare ricorso alla raccolta pubblicitaria.
Per una questione di indipendenza e serietà, più che altro e questo nonostante “tenere in piedi la baracca” costi circa 7 milioni di dollari all’anno. Ma Wikipedia si vede come una risorsa per tutto il mondo e per questo continuerà a sostenersi tramite la propria rete di fondazioni no profit. Wales ha poi continuato la sua conversazione con il pubblico cercando di far capire quanto sia complesso il rapporto con gli utenti/editori: la partecipazione online va, infatti, sempre controllata e regolata, per poter garantire autorevolezza e indipendenza. Solo il controllo reciproco, e una forte regia centralizzata, può garantire che una rete tra pari funzioni. Almeno se si vuole far concorrenza all’enciclopedia Britannica. (Davide Agazzi per NL)
27/10/2009 09:57
 
NOTIZIE CORRELATE
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
In un periodo in cui tutti si stanno attivando per cercare di arginare il più possibile il fenomeno delle bufale online, Wikipedia si fa sentire parlando proprio di attendibilità.
La notizia è rilevante non solo per l'entità economica dell'operazione, ma anche per il segnale che essa manda al settore delle tlc e dei content provider radio e tv.
Nella giornata di venerdì il web è andato in tilt a causa di un attacco informatico di alcuni hacker, per ora non identificati, partito da diversi dispositivi smart infettati e diretto ai server della Dyn, una delle più grosse compagnie americane che si occupa di gestire una grossa fetta dei DNS della rete statunitense.
Gli Stati Uniti voteranno oggi una proposta mirata a fornire agli operatori tlc delle nuove frequenze per lo sviluppo delle reti di quinta generazione; in Europa, invece, sembra interminabile il circo dei botta e risposta che continua solo a far perdere tempo.