Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
XVII edizione del Concorso Nazionale "Immagini per la Terra". I giovani reporter del cambiamento climatico
Gli studenti italiani si improvvisano attori, giornalisti e scienziati per esaminare le problematiche legate al clima e all'ambiente.
Sono pronti a diventare i "reporter del domani" e lo hanno dimostrato superando le selezioni di una giuria di esperti, che li ha decretati vincitori della diciassettesima edizione del Concorso Nazionale "Immagini per la Terra". Il concorso per le scuole, lanciato da Green Cross Italia sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, si svolge ogni anno su una tematica diversa. L'iniziativa si propone come mezzo per veicolare contenuti legati ai valori di conoscenza e protezione della biosfera, al fine di illustrare le possibilità di sviluppo e di benessere legate ad un corretto rapporto tra Uomo e Natura. Il progetto vanta diciassette anni di vita e la partecipazione di oltre due milioni di studenti provenienti da scuole di ogni ordine e grado che, attraverso diverse forme espressive (disegno libero, fumetto, fotografia, scrittura, tecniche multimediali), rappresentano i problemi e le soluzioni delle tematiche ambientali oggetto del concorso. I premi in denaro vengono utilizzati per realizzare piccoli progetti concreti di tutela e miglioramento dell'ambiente, che possano rappresentare delle "best practices" da diffondere e imitare. Sono i vincitori stessi a decidere verso quale progetto destinare la somma ricevuta. Il tema del concorso di quest'anno, "Noi giovani reporter del cambiamento climatico: buone notizie dall'ambiente", oltre a sensibilizzare i ragazzi ad un uso sostenibile delle risorse, era volto alla conoscenza dei differenti linguaggi dei mass media per aiutarli a conquistare una maggiore autonomia critica nei confronti dell'informazione globale.  Al concorso hanno partecipato circa 30.000 studenti, provenienti da più di 700 scuole italiane per un totale di quasi 1.500 elaborati. Oltre ai primi premi, dei quali alcuni meritevoli di lode, sono state attribuite cinque menzioni d'onore. «I lavori esaminati sono tutti di grande qualità e la selezione non è stata facile», dichiara Elio Pacilio, Presidente di Green Cross Italia. «Molti gli argomenti che sono stati toccati - continua Pacilio - con una grande ricchezza di contenuti, idee originali e ben raccontate». Per le scuole dell'infanzia, il primo premio con lode va alla scuola di San Benedetto del Tronto (AP), che ha realizzato un maxi-libro, contenente il lavoro didattico degli alunni, ed un eco-telegiornale. Tra le scuole primarie e secondarie di primo grado, particolare merito alle sedi di Albanella (SA) e di Vigevano (PV), i cui alunni, nei video presentati, si improvvisano personaggi del mondo dello spettacolo, scienziati ed esperti per spiegare gli effetti del cambiamento climatico, le problematiche ambientali e le soluzioni offerte dalle nuove tecnologie.
10/06/2009 12:14
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.
Approvata la nuova riforma pensionistica per l’Inpgi, ma non cessano le voci di protesta e i timori sul futuro dell’Istituto. La riforma, che ha ricevuto il placet di Ministero del Lavoro e Ministero dell’Economia, si è resa necessaria perché i conti in rosso dell’ente ne facevano presagire, nel giro di pochi anni, la chiusura o l’assorbimento nella cassa Inps.