Quando Facebook è…indifferente