Bordin, Pannella e la “libertà” di Radio Radicale