L’editoria fa bene a puntare sui tablet pc. Dal presidente di UPA la conferma