Anche la CEI dice no ai tagli del sostegno all’editoria. Decine di testate sono a rischio chiusura con centinaia di posti di lavoro