Pubblicità. Calo a doppia cifra a giugno. Tra le responsabilità: la crisi greca e l'assenza dei mondiali. Fuori dal coro la radio: +7,5%